#324
19 Luglio

Plus les semaines sont longues, plus elles sont courtes enfin.

Continua a leggere

#323
18 Luglio

La baie-vitrée de l’opticien est parfaitement transparente (sauf pour un tout petit peu de buée des lèches-vitrines, myopes justement).

Continua a leggere

#322
17 Luglio

Sì, chi era quel bambino? Quel bambino dall’improbabile camicia a fiori capace di leggere un libro, invece di seguire con attenzione e in religioso silenzio la partita di tennis dell’anno… Uno stupido, forse, del tutto insensibile allo spettacolo che di colpo vanamente si offriva ai suoi occhi?

Continua a leggere

#321
16 Luglio

Chi era quel bambino che preferiva la lettura (mio Dio, leg-ge-re!) alla sfida tennistica più appassionante, quella tra i due eterni rivali (una rivalità tanto accesa ed eterna quanto quella tra le ampolline del sale e del pepe, che si fronteggiano ogni santo giorno e a ogni pasto sulle nostre tavole, mostrando appena i segni del tempo)?

Continua a leggere

#320
15 Luglio

Prima ancora di quel momento del resto, che da solo valeva quella splendida semifinale di Wimbledon, la regia aveva indugiato tra il pubblico e pescato un bambino occhialuto, con l’aria da intellettuale (non fosse stata per quell’improbabile camicia a fiori, stile Magnum PI), intento a leggere un libro. Ed ecco il pubblico rumoreggiare (telespettatori compresi, cavolo!), distrarsi a sua volta – così sembrava almeno – dalla partita, come a chiedersi chi fosse quel moccioso insolente…

Continua a leggere

#319
14 Luglio

Notifica fb: l’evento impariamo a tessere nasse da pesca idrosolubili è stato annullato

Continua a leggere

#318
13 Luglio

Non so più se sto scrivendo ciò che mi succede o il contrario. (Di certo i verbi di questa frase dovranno essere al presente indicativo – pensavo.)

Continua a leggere

#317
12 Luglio

Quoique apparemment mort ou endormi, l’immeuble a des yeux partout. Fais gaffe, même dans l’obscurité du soir, lorsque tu sors la poubelle: que le tri soit sélectif!

Continua a leggere

#316
11 Luglio

On m’apprend que en langue berbère “Sahara” signifie “désert”… ce qui prouve parfaitement, une fois de moins alors, qu’il n’y a vraiment rien, ni personne, du tout…

Continua a leggere

#315
10 Luglio

Più per il caldo che per l'isolamento, non posso resistere ancora a lungo in questo Stato, nel Principato del monaco (che poi è come Giulia chiama il mio studiolo).

Continua a leggere

#314
9 Luglio

J’ai entendu des putes parler clairement de “indécence”! (Effectivement, c’étaient des prostituées.)

Continua a leggere

#313
8 Luglio

Che si sappia! Quest’anno porto la pancia perché ho scoperto di avere comprato magliette un po’ lunghe. (Ed ecco spiegato perché erano in saldo.)

Continua a leggere