Copertina: Sul riccio
Éric Chevillard
220 pp.
Chevillardiana
€ 16,00
2019

Sul riccio

Il suo viso esprime ferma risolutezza. I suoi gesti sono brevi e precisi. La sua mano non trema. Eppure c’è in gioco la sua stessa vita in questa storia. È uno scrittore e, questa sera, si propone di scrivere la sua autobiografia. Sul tavolo si trova riunito tutto il materiale necessario, della carta, una matita, una gomma, un riccio.

Che non c'entra nulla qui, quest’ultimo, avete ragione voi. La cui presenza incongrua è persino un vero mistero. Ma l’effetto sorpresa svanisce presto. Spazio alla collera. Questo riccio è una calamità. Per quanto così dotato lui stesso per l’introspezione viziosa e il ripiego compulsivo su di sé, contraria e ostacola l’ambizioso progetto autobiografico dello scrittore.

Autentico libro dei libri, Sul riccio affronta così il tema spinoso per antonomasia, quello che soggiace a qualsivoglia opera letteraria: l’ossessione della pagina bianca, il famigerato blocco creativo.

Proprio sotto gli occhi increduli del lettore, lo scrittore e protagonista sfida apertamente la propria paura, di cui riuscirà a dirci per oltre duecento pagine.

Il romanzo che ispira: dedicato ai veri amanti della lettura, e a tutti gli aspiranti scrittori.

Continua a leggere

Copertina: Paese perduto
Pierre Jourde
190 pp.
Ombre lunghe
€ 16,00
In uscita

Paese perduto

“È un paese sperduto” si dice: non c’è espressione più giusta. Ci si arriva solo perdendosi. Nulla da fare, nulla da vedere. Sperduto sin dall’inizio forse, talmente sperduto prima ancora di esserlo stato che questa perdita è solo la forma della sua esistenza. Ed io, stupidamente, sin dall’origine, cerco di preservarlo. Volevo fosse se stesso, immobilizzato nella propria perfezione, e che ad ogni istante fosse possibile riempirsene.

Due fratelli, che abitano in città, possiedono in un cascinale isolato una casa di famiglia. Uno dei due ha appena ereditato da un cugino che viveva come un selvaggio nella propria fattoria. Al loro arrivo, vengono a sapere della morte di una ragazza del paese. Gli ossequi hanno luogo l’indomani.

Come nelle antiche tragedie, l’azione si svolge nell’arco di due giornate invernali, nel cuore di montagne deserte. Gli dei che la reggono sono al tempo stesso grotteschi e terrificanti. Si chiamano Alcol, Inverno, Merda, Solitudine. Questi non impediscono, però, che i loro sudditi diano prova di vera grandezza.

Ciò che viene seppellito, in questo romanzo di impronta autobiografica, sono gli ultimi contadini. E anche la bellezza, di cui non si riesce mai a elaborare il lutto.

Tra la vita e la morte, il vissuto e la mancanza, il ricordo e l’oblio.

Continua a leggere

Marin(ai)o è il mio cuore

La prima volta che lo vidi, Marino non aveva ancora respirato, era pallido e livido come dopo uno sforzo sovrumano, un grosso spavento o un dispiacere. Mi dissero che aveva risolutamente, per aprirsi un varco verso la luce, rifiutato di guardare per terra, che, risolutamente, aveva rovesciato la testa in direzione della luce stessa, verso il cielo.

In questa cronaca libera e senza date, che l’autore compone in occasione della nascita del primogenito Marino, tutto succede per la prima volta.

L’autore riesce ad abbandonare il punto di vista dell’adulto e del padre, per sposare quello di un osservatore terzo. Presta quindi un linguaggio inedito e meraviglioso a Marino, che inizia a scoprire il mondo; un mondo nuovo, profondamente cambiato, che si appresta ad accogliere Marino.

L'ultima fiammata del Surrealismo

Continua a leggere

#420
23 Ottobre

Scendendo dalla funicolare, a Brunate, ci sentimmo curiosamente osservati: era la magnifica vista, limpida e penetrante, del Lago di Como – cui avevamo dato le spalle.

Continua a leggere

#419
22 Ottobre

Il n’y a que l’acide du jour pour en ôter toutes les tâches, de cette nuit poisseuse – hormis pour certaines cernes au beurre noir.

Continua a leggere

#418
21 Ottobre

Eppure l’alto pino marittimo, che si ergeva sopra le nostre chiome ignare, si faceva sentire. E come! Pungeva. Il naso!

Continua a leggere

#417
20 Ottobre

Il était pas mal des larmes, qui déjà se coulaient sur les hublots tristes de notre train gris.

Continua a leggere

#416
19 Ottobre

Consécutivement à ton jus d’orange bien doux, ou bien au même temps, voire avant, la décharge électrique d’une carie.

Continua a leggere

#415
18 Ottobre

Forse, però, dovrei lasciare maggiore spazio ai ricordi, in queste annotazioni. Dovrei trovare il coraggio, ad esempio, di parlare della mia prima volta, senza scadere nell’astrazione o, peggio ancora, nella ridondanza… sì, senza falsi pudori né moralismi, quella volta in camporella…

Continua a leggere

#420
23 Ottobre

Scendendo dalla funicolare, a Brunate, ci sentimmo curiosamente osservati: era la magnifica vista, limpida e penetrante, del Lago di Como – cui avevamo dato le spalle.

Continua a leggere

Eric Chevillard a Festivaletteratura

Vi aspettiamo alla presentazione del nuovo romanzo di Eric Chevillard, Sul riccio, di cui l’autore parlerà con Marcello Fois, nella splendida cornice del Festivaletteratura (Mantova, 7 settembre).

Continua a leggere

Riserviamo uno spazio speciale alle ... Donec vestibulum accumsan eleifend. Nunc pretium metus quis elit placerat, a tempus justo imperdiet. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

Continua a leggere