#508
19 Gennaio

Anche l’insonnia presume un motivo, per quanto piccolo, sì, un motivetto.

Continua a leggere

#507
18 Gennaio

Trovato nudo nel suo studio, con mani e piedi legati, il traduttore italiano di Éric Chevillard. A fare la scoperta, la marescialla Elena Ferrante dei carabinieri di Valeggio: “Era prigioniero da tre giorni, ma le sue condizioni sono buone; solo disidratato e comprensibilmente sotto shock. Stiamo indagando piuttosto su un probabile furto di identità, per capire chi fosse in realtà il sedicente editore-traduttore che si è presentato alla cittadinanza in biblioteca, nella serata di mercoledì 15 gennaio organizzata all’interno della rassegna “Giovani valeggiani intraprendenti si raccontano”. Non escludiamo la presenza di una complice. Al vaglio persino la posizione di due soggetti tra il pubblico, oltre a quella delle bibliotecarie. Ogni pista sarà battuta. Nulla sarà lasciato al caso".

Continua a leggere

#506
17 Gennaio

Une chose est sûre, en tout cas. Si tu ouvres la boîte, un chat noir (parfaitement noir) cessera d’exister.

Continua a leggere

#505
16 Gennaio

Quando i ricercatori avranno risolto il problema della demenza, incrementando longevità, coordinazione, velocità, senso dell’orientamento, creatività… in una parola, l’intelligenza, dovremo affrontare un nuovo problema, un problema enorme. Dall’oggi al domani, saremo costretti a vivere nell’ombra, ad adattarci noi alle condizioni del sottosuolo. A quel punto, i topi domineranno il mondo.

Continua a leggere

#504
15 Gennaio

La pecora si pasce, tutto il giorno, di freschi fili d’erba, per intessere – durante la notte – il suo caldo maglione. Beïge?!

Continua a leggere

#503
14 Gennaio

Quanto alla mina della mia matita, meglio maneggiarla con prudenza.

Continua a leggere

#502
13 Gennaio

Il fisico dell’intellettuale sarà comunque un mezzo, necessariamente. Un mezzo fisico.

Continua a leggere

#501
12 Gennaio

Ce qu’il y avait dans le brouillard, c’était tout un tas de choses merveilleuses. Qui ont disparu.

Continua a leggere

#500
11 Gennaio

Da quel buco giallo perfettamente tondo, devono essere state aspirate le stelle. (Ne ho viste sfilare sotto gli occhi più di 1000, fino ad oggi... almeno due per notte.)

Continua a leggere

#499
10 Gennaio

Les biceps à l’allure d’acier du chandelier – petit titan penché sur la gravité de l’obscurité, qui du coup fait corps, voire bloc, et lui pèse – au fond ne sont qu’en argent… ça ne va pas durer.*

Continua a leggere

#498
9 Gennaio

Per l’ultima cena, Giulia ha cucinato il coniglio. Con contorno di carote (esaudendo così anche un suo desiderio).

Continua a leggere

#497
8 Gennaio

Patiemment, parfaitement immobile, sans cligner des yeux, en retenant même sa respiration, il guetta le brouillard… qui ne se fit pas attendre… mais sut… l’air de rien… se dissimuler…

Continua a leggere

#496
7 Gennaio

Il primo passo da gigante – per uno scalino gigante – sarà risalire sulla piccola e fragile bilancia scricchiolante.

Continua a leggere

#495
6 Gennaio

Les voisins idéaux, c’est bien connu, ils sont partis en vacance, sur une île, du Paciphique. (Et cela encore, à condition qu’ils mènent leurs fils avec eux, bien entendu.)

Continua a leggere

#494
5 Gennaio

Il processo di costruzione di una sola matita presume la decostruzione di un tronco; su larga scala, la cancellazione indelebile di un bosco.

Continua a leggere

#493
4 Gennaio

Persino l’esotismo del mandarino svanì, dopo il quinto frutto di fila ingurgitato. (Parola di traduttore consumato.)

Continua a leggere

#491
2 Gennaio

Tout aura déjà été écrit, sur la feuille recroquevillée du bourgeon.

Continua a leggere

#490
1 Gennaio

Tutto è già scritto, fortunatamente, con una grafia illeggibile.

Continua a leggere

#489
31 Dicembre

Du coup il se leva du lit, gagna son écritoire et s’y mit furieusement, à le mettre par écrit justement. Il avait rêvé du 2020.

Continua a leggere

#488
30 Dicembre

Il linguaggio del corpo non mente. Ed è spesso anche volgare.

Continua a leggere

#486
28 Dicembre

Or cinq jours d’affilés, ça va être un peu vache, de manger autant.

Continua a leggere

#485
27 Dicembre

I nonni ci ricordano, e ci ricorderanno, sempre, la nostra infanzia.

Continua a leggere

#484
26 Dicembre

Heureusement que Noël était bien là, pour nous faire grossir, et apaisir de la sorte ce vague sentiment de inexplicable coupabilité.

Continua a leggere

#483
25 Dicembre

Il libro ne ha già la forma, del regalo originale. (Ed è meno rischioso di una sciarpa – troppo calda di questi tempi –, ultima mente.)

Continua a leggere

#481
23 Dicembre

Cherche un projet plus haut, qui vaille celui du cierge brûlant de passion – qui pourtant ne cesse pas de baisser.

Continua a leggere

#480
22 Dicembre

Come il nero, del resto, il rosso assorbe tutti gli altri colori, della festa.

Continua a leggere

#479
21 Dicembre

Il pioppo sferzato dalle raffiche, da una parte. Il vento frustato da mille vergate, dall’altra.

Continua a leggere

#478
20 Dicembre

Le feu doux du temps crispe et jaunit à peine les dentelles (ce n’est qu’une grimace de défi, la sienne) de mon parchemin.

Continua a leggere

#477
19 Dicembre

E se la nebbia, che ci avvolge tutti, fosse solo un altro costrutto culturale condiviso dalla maggioranza?

Continua a leggere

#476
18 Dicembre

L’idée de la mort qui approche raidit curieusement mon imagination.

Continua a leggere

#475
17 Dicembre

La schiuma – sublime – del quotidiano… sarà quella a restare sulla riva del tempo?

Continua a leggere

#474
16 Dicembre

L’armonia di mille canne di bambù attraversate dal vento, nel fruscio di una sola mina che scivola sulla pagina superiore di una foglia di carta.

Continua a leggere

#473
15 Dicembre

Un seul bout de crayon, dans le tourbillon de tout ce chaos, pour rester encore cramponné au monde.

Continua a leggere