#1832
21 Febbraio

Ils en cannibalisent avidement le cœur, qui reste là en tant que écorce vide, tel un vieux drôle d’engin privé de vie. C’est ainsi que, l’œil méchant et froid, les moineaux dévorent les grains, encore palpitants eux, de blé.

Continua a leggere

#1831
19 Febbraio

Lo scrittore mente apertamente. Il suo lettore avrà la mente aperta.

Continua a leggere

#1830
18 Febbraio

Le trafic des fourmies qui soulèvent en proportion une voiture, c’est pareil.

Continua a leggere

#1829
17 Febbraio

È il consiglio non richiesto, sussurrato all’orecchio senza requie, della notte a impedirmi di dormire.

Continua a leggere

#1828
15 Febbraio

Ah, sous le poid de ma plume mon dos se brise désormais – tel que cette même métaphore en verre, qui ne supporte guère de se plier.

Continua a leggere

#1827
14 Marzo

Des chevaux d'ébène, pour des policiers d'ébène nous moins ornamentaux, étaient joliment garé dans la voie qui conduit les pèlerins, bien plus pales ces derniers, au Vaticain.

Continua a leggere

#1826
13 Febbraio

J’ouvre au hasard la fenêtre qui donne sur une façade, que l’on dirait pleine de graffitis illisibles. (C’est vrai que j’ai saisi ce livre à l’envers.)

Continua a leggere

#1825
12 Febbraio

Ah, il bel tempo finalmente! È lunedì, e un lunedì d’altri tempi lo avrei considerato in anticipo, rispetto all’effettivo inizio di settimana, un lunedì d’altri tempi avrei approfittato del bel sole tiepido, di questo anticipo d’anticipo di primavera. Ci sarei andato di corsa, al mio Mincio!

Continua a leggere

#1824
11 Febbraio

Cla-clac, fi-fiu, chiti-chiti… E così, dopo milioni di anni vissuti l’uno a fianco dell’altro, l’uno nel giardino dell’altro, abbiamo finito per inculcargli e rinfacciargli il concetto di proprietà. E la cosa peggiore è che conoscono tutti i segreti dei nostri antifurti, ormai, i merli.

Continua a leggere

#1823
10 Febbraio

Spioventi sono sempre le larghe spalle rosse dei tetti

Continua a leggere

#1822
9 Febbraio

Ritrovato nella cantina di un rifugio alpino, a 3900 metri, il leggendario romanzo di Rousseau che si credeva distrutto in un incendio dai Rivoluzionari, in grado, stavolta sì, definitivamente, di rovesciare storia e filosofia dell’intero occidente: L’Abominevole uomo delle nevi.

Continua a leggere

#1821
7 Febbraio

Michelangelo – lo sappiamo – è arrivato al David che gli preesisteva togliendo marmo dal blocco, che già lo conteneva. In Dino Egger Chevillard scrive il romanzo della pura potenzialità: non si limita a darci un romanzo perfetto, ma ci elargisce – nero su bianco – tutti i romanzi possibili. C’è forse qualcosa di più perfetto, della somma libertà? (da un’intervista appena rilasciata a Livio Partiti per la trasmissione radiofonica “ Il Posto delle parole”)

Continua a leggere

#1820
6 Febbraio

Fermer les yeux, ça aide du coup à matérialiser ses mains, libres de faire n’importe quoi en effet.

Continua a leggere

#1819
5 Febbraio

Évidemment, de son bec aigu mais que nul n’aurait dit si long, l’allègre mésange chatouille Giulia depuis la terrasse. Qui sourit.

Continua a leggere

#1818
4 Febbraio

Giulia scova il tramonto sopra gli scogli, ciac! Che frittata!

Continua a leggere

#1817
3 Febbraio

Per il sole più timido, cerca quello imbarazzato (versione per non udenti)

Continua a leggere

#1816
2 Febbraio

Per il sole più timido, cerca quello che tramonterà

Continua a leggere

#1815
1 Febbraio

Come diceva Echenoz nella scrittura contemporanea la punteggiatura è infedele fino all’arrivo delle rondini almeno aggiungo io

Continua a leggere

#1814
31 Gennaio

La question, la grande question, l’unique question, voire l’unique et seule question, autour de la quelle je virevolte en dressant des cercles concentriques, quoique de plus en plus étroits depuis ma naissance, et que je n’arrive pas (hélas) à toucher, à croire qu’il s’agisse d’un astre – dans ce cas heureusement –, ou bien d’un trou noir, d’une bougie avec sa phalène, moi, satellite en orbite de la mort, disais-je la question a toujours été, est, et sera celle de l’emploi du temps. Jusqu’a la fin du temps, du moins.

Continua a leggere

#1813
30 Gennaio

S’il faut en croire mon degré d’excitation, on dirait que le courrier UPS, qui vient enfin de garer sa furgonnette et que je vois, depuis ma fenêtre, s’approcher de la sonnette de ma porte, livre!

Continua a leggere

#1812
29 Gennaio

Intanto Giulia fa ritorno dal parrucchiere, coi capelli più lunghi.

Continua a leggere

#1811
28 Gennaio

Non c’è niente da vedere, probabilmente. (Nessun coltello da cucina, nessun corpo riverso sull’asfalto ghiacciato – sia l’asfalto che il corpo, ormai – in una pozza di sangue, niente nastri di delimitazione – sia gialli e neri che rossi e bianchi – niente volanti in arrivo, tantomeno agenti di bianco vestiti – già sul posto.) Solo nebbia, tranqui.

Continua a leggere

#1810
27 Gennaio

-Giulia, dalla terrazza di casa improvvisamente avvolta dalla nebbia: “Wooh, che spettacolo!” -Io, rimemorando la mia scozia: “Riesci a immaginarti i miei, adesso, in quel di Mantova?” -Giulia: “Sì, davvero!” -Io: “Loro nemmeno quello.”

Continua a leggere

#1809
26 Gennaio

Lo scrittore peccherà anche di vanità, il traduttore di falsa modestia – il che è persino peggio –, ma l’altro… il vero mostro, per cui s’apriranno e richiuderanno sbattendo sonoramente le porte dell’inferno, è l’editore! (Quasi dimenticavo la schizofrenia endemica di certi traduttori. Ma quella è un’altra storia…)

Continua a leggere

#1808
25 Gennaio

La goccia di sudore cade sulla superficie perfettamente levigata, dando così il via a innumerevoli cerchi concentrici. È con la fatica, del resto, che il rumoroso boscaiolo si guadagna da vivere.

Continua a leggere

#1806
23 Gennaio

On m’apprend que la finale de la super coppa italiana de football a eu lieu a Riyad?! C’est dire, jusqu’à quel point je méconnais la Calabria.

Continua a leggere

#1805
22 Gennaio

L’anchilosauro rosato è una specie molto prossima al dattilosauro rosato, con cui condivide tre caratteristiche: la pelle quasi diafana, un corpo massiccio, forti dolori alle anche. Tra i due però c’è una differenza sostanziale, che permetterà facilmente di distinguerli, anche al paleontologo inesperto: il primo lo troverete disteso in una prateria, il secondo ancora seduto, alla sua scrivania.

Continua a leggere

#1804
21 Gennaio

Oggi che è domenica riposerò? sullo scrittoio? l’opera?

Continua a leggere

#1803
20 Gennaio

De son pendule oscillant Giulia, ma reinette, voire ma Mme de Pompadour, sait être fort persuasive. J’ai désespérément besoin, moi-aussi, d’une tasse de thé!

Continua a leggere

#1802
19 Gennaio

Dall’esame dei suoi pur numerosi resti, gli scienziati non sono riusciti a ricostruire le abitudini alimentari del paradonte, estinto milioni d’anni or sono.

Continua a leggere

#1801
18 Gennaio

Non sarà a forza di barchette o di aerei, che non arrivano neanche al cestino, che lo scrittore scaccerà la noia. Anche se un tiro ben assestato da 3 punti…

Continua a leggere

#1800
17 Gennaio

La littérature esthétise le mal. Le rend intéressant – écrit le grand Pierre Jourde qui peut-être finit de la sorte par confirmer cette thèse rousseauiste.

Continua a leggere

#1799
16 Gennaio

Le vide hante l’écrivain, le traque sur sa page, et l’importera sans doute, quoique un jour, tant qu’il pourra suivre ses traces.

Continua a leggere

#1798
15 Gennaio

Le chasseur dissimulé parmi les feuilles, ce n'est qu'un autre observateur, d’artillerie.

Continua a leggere

#1797
14 Gennaio

Il cerbiatto del caffè, il folto della notte, il platano della nebbia… La vita stessa è poetica, e alcune metafore sono più solide di altre.

Continua a leggere