Incisioni del traduttore n° #1114
21 Settembre 2021

Come dicevo, se smettessi di scrivere… Ma a che pro poi? Per importunare forse (sì, 14 ore al giorno magari!), vilmente asserragliato dentro uno stand, ogni malcapitato visitatore di Una Marina di libri?! (Ecco un’altra delle mie fantasie, di cui prender subito nota.)

Laissez paître l’espadon à Bronte, dans la prairie du pistache finement mâché, avant de le couper en tranches. Servir tiède.

Cartina alla mano, Giulia indicò sicura la nostra destinazione: mercato del Capo!


Condividi