Incisioni del traduttore n° #1158
12 Novembre 2021

L’idée que l’ombre soit tridimensionnelle, habitable, me soulage parfois – n’en déplaise à mon assassin.

Da piccolo avevo paura del buio. Evidentemente avevo ragione: c’è qualcosa di più immenso?

[Una scrittura degna di nota: quest’oggi, l’intervista rilasciata a Stefano Montefiori dal grande Pierre Jourde, per il « Corriere della sera »]


Condividi