Incisioni del traduttore n° #1725
22 Ottobre 2023

Durante il XVI secolo Giorgio Ghisi e i membri della famiglia Scultori si dedicarono a incidere gran parte di Palazzo Te, apportando talvolta alcune rielaborazioni. Le incisioni tratte dagli affreschi del palazzo mantovano circolarono a lungo in Italia e anche in Europa, nel corso del XVI secolo, contribuendo alla fama imperitura di Giulio Romano, preso a modello anche dai pittori fiamminghi… Ecco, diciamo che se il traduttore prevale sull’autore… se non l’editore, quantomeno il curatore della mostra di Rubens… dovrebbe pensare a rimborsarci i biglietti.

De cette exposition sur Rubens à Mantoue, nous allons surtout retenir le nom de Natale Benati, ce fameux crétin qui signa en la déséquilibrant – et en risquant, comme on peut le voir, de la faire écrouler – la paroi rocheuse de la Sala dei giganti à Palazzo Te. C’est dire.


Condividi