Incisioni del traduttore n° #1755
24 Novembre 2023

“Voi scrivete. Voi scrivete e succede qualcosa. Lo sentite; quando scrivete, succede qualcosa che supera i limiti della vostra pagina e quelli della vostra mansarda; Parigi è ben piccola per contenere l’evento che si produce quando scrivete. La penna scricchiola, ripercuote lo scricchiolio della meccanica universale; e poi l’inchiostro è un olio prodigioso: s’alza il vostro canto. (…) Il dolore e la collera sanno adesso farsi sentire. Meglio, il dolore e la collera ottengono risarcimento.” (CHEVILLARD, Éric, Dino Egger, p. 62, da oggi in libreria)

Giulia dorme beata, una dolce alborella sul tiepido fondale. Poi si sveglia di colpo, madida, ansimante, sul bordo del letto.

Pourtant il me suffirait de plier un peu mon crayon. Oui, je ferais un bon pêcheur.


Condividi