Incisioni del traduttore n° #327
22 Luglio 2019

Quanto a quel bambino che preferì un libro all’incontro tra Rafa Nadal e Roger Federer – forse ricorderete –, per molti si trattava di un lettore semplicemente intento a raccontarci – leggeva a mezza voce – la cronaca della partita – punto dopo punto – che si svolgeva man mano sotto i nostri occhi ciechi, ignari. Secondo i meglio informati, quel testo profetico altro non era che l’anteprima de Sul riccio: il primo testo pubblicato da Prehistorica Editore e che sarà presentato a Mantova dall’autore Éric Chevillard in persona il 7 settembre, nel quadro del Festivaletteratura 2019.

Il tramonto, all’orizzonte, è così ampio perché deve contenere la fine di tutte le giornate – e tutte le speranze di coloro che, a testa ancora alta, hanno l’ardire di guardare avanti.

Hymne à l’optimisme: je serai crevé de fatigue, tant que mon verre (si léger qu'il paraisse) sera vide.


Condividi