#1416
7 Ottobre

Dopo l’impresa, la lingua fuori per la fatica, al traduttore resta un gran vuoto. Ma eccolo, la lingua fuori per la concentrazione, già risucchiato in quella successiva.

Continua a leggere

#1415
6 Ottobre

Le sere d’autunno cadono sempre prima, delle foglie.

Continua a leggere

#1414
5 Ottobre

Me revoilà enfin libre, de virevolter autour de la lampe qui brûle. Le soir tombant sur la campagne, je disparaîtrai de la sorte dans la nature, de mon bureau.

Continua a leggere

#1413
4 Ottobre

Giulietta l’altera s’altera, col vino in cartone.

Continua a leggere

#1412
2 Ottobre

Dopo tre ineffabili notti (quando, a ripensarci, l'impermeabile lungo e spesso rivela quasi sempre il pervertito sudato), dopo tre infinite notti (mi sarà perdonato un ossimoro, a forza di notti bianche), dopo tre notti di altrui vacche grasse sulle mie spalle (lungi da me l'iperbole, se non son frustrato da tanta insonnia) mi sono finalmente deciso a estrarre degli orecchi i collosi tappi di cera che mi isolavano dal mondo. Ho quindi individuato e spappolato sul muro quella maledetta zanzara.

Continua a leggere

#1411
30 Settembre

Muta la pioggia che fitta tamburella in moneta sonante. E così lo stregone, d'un tratto comparso nel carruggio, si trasformò a sua volta, in venditore d'ombrelli.

Continua a leggere

#1410
29 Settembre

Il viaggio non andrebbe raccontato a posteriori (chiusa la parentesi di una vacanza).

Continua a leggere

#1409
28 Settembre

Seul la rafale chaude du séchoir, qui du coup te décoiffe, brise la glace.

Continua a leggere

#1408
27 Settembre

Solo ieri, appesantivano il filo, tutte insieme, una al fianco dell’altra, le rondini. Dove si saranno fiondate?

Continua a leggere

#1407
25 Settembre

Ancora una farfalla bianca, portata via dal vento – su cui scrivere.*

Continua a leggere

#1406
24 Settembre

E lo sguardo monocolo, sfocato, stralunato, accecato ad ogni modo, del sole??

Continua a leggere

#1405
23 Settembre

Tout le monde est prêt à croire à la fiction de la “réalité” mais, voire puisqu’on lit de moins en moins.

Continua a leggere

#1404
21 Settembre

Lasciano fastidiosi schizzi sui pantaloni e sulle scarpe. Tolto il lavoro sporco fondamentale a realizzarli, adoro fare progetti.

Continua a leggere

#1403
20 Settembre

Il se trouve que la volatile essence n’a jamais été si indispensable. Et chère.

Continua a leggere

#1402
19 Settembre

Dietro le batterie, Giulia l’indomita sbriciola sgombri, tonni lucenti e altri siluri inesplosi. E muta – solo s’ode un familiar rumor di tegami – il giorno affannato in s’era.

Continua a leggere

#1401
18 Settembre

Ça fait huit jours qu’il a failli mourir de covid. Or le goût de la vie lui manque encore.

Continua a leggere

#1400
17 Settembre

Giulia restringe il mio maglione preferito, e il campo delle mie affannose ricerche. Ora so cosa non mettermi.

Continua a leggere

#1399
16 Settembre

Je me suis tu, c’est vrai. Pour voir ce que ça donnait. (Drôle d’expérience en tous cas.)

Continua a leggere

#1398
13 Settembre

C’est ainsi que Giulia me la fit remarquer là-haut, de son index, en laissant son empreinte sur l’écrain bleu du ciel du matin, la lune.

Continua a leggere

#1397
9 Settembre

-Giulia, temendo che l’avessi finito tutto: “Dove hai messo il formaggio?” -Io, per rassicurarla: “In cucina, sul top”

Continua a leggere

#1396
7 Settembre

Vendo Fiat Multipla immatricolata nel 2009 a Metano, col pieno fatto. No perditempo.

Continua a leggere

#1395
6 Settembre

Je décapsule une seconde fois, pour fuser à nouveau sur la lune.

Continua a leggere

#1394
5 Settembre

È sempre stato un falso magro, da prima che perdesse peso.*

Continua a leggere

#1393
4 Settembre

Chi la vuole, la mia consapevolezza? (Vendo per inutilizzo e realizzo.)

Continua a leggere

#1392
3 Settembre

La sublussazione della spalla presume una qualche immersione. (Devo quindi aver letto troppo, perché non ho quasi chiuso occhio).

Continua a leggere

#1391
2 Settembre

Gli mancava evidentemente un motivo per aprir bocca.(E non era neanche intonato!)

Continua a leggere

#1390
1 Settembre

Sarà l’autunno a spazzare via, via via, tutte le incertezze che vediamo accumularsi all’orizzonte? O sarà il fungo, a far piazza pulita?

Continua a leggere

#1389
31 Agosto

Sarà l’autunno a spazzare via, via via, tutte le incertezze che vediamo accumularsi all’orizzonte?

Continua a leggere

#1388
30 Agosto

Stando al frammento da me postato in data 12 agosto, occorrono grossomodo 18 giorni a un furbitrocchio reticolato incastrato, con entrambi i palchi, nel condotto d’areazione che collega il tetto alla ventola del bagno… prima che da quest’ultima insomma non fuoriesca una lenta processione di mosche verdastre.

Continua a leggere

#1387
29 Agosto

Non è questo il momento di sospendere le sanzioni – mi spiegò affranto, mostrandomi comunque di avere già iniziato a compilare la multa per divieto di sosta.

Continua a leggere

#1386
27 Agosto

Da circa 1385 giorni ormai, rotolo (una valanga? con questo caldo?), scivolo (un ghiacciaio allora, che si scioglie), tento di camminare (piuttosto) sulle righe affilate di questo taccuino virtuale, perennemente in bilico tra realtà e finzione, vissuto e potenzialità. In quest’atto supremo di libertà nulla mi è precluso, a patto di non scadere nella banalità della mera – e ridondante! – cronaca…

Continua a leggere

#1385
26 Agosto

J'espère que Giulia ne m’en voudra pas, si je plonge mes pieds dans le frais ruisseau de ses idées. (Car c’est bien à Giulia que est venue à l’esprit cette magnifique excursion.)

Continua a leggere

#1384
25 Agosto

Esca viva, tutta rosa brulicante sugli scogli, all’estremità della canna. Poi la grande onda, e l’orca. O il tramonto – e uguale.

Continua a leggere

#1383
24 Agosto

Esca viva, tutta rosa e brulicante sugli scogli, all’estremità della canna. Poi la grande onda. E l’orca.

Continua a leggere

#1382
23 Agosto

Esca viva, brulicante sugli scogli, all’altra estremità della canna.

Continua a leggere

#1381
22 Agosto

L’escremento del cervo, l’escremento del cerbiatto, come anche quello del cinghiale, ne postula l’esistenza e il passaggio, giusto qualche ora prima. Sullo stesso sentiero, meno mattiniero ma ugualmente regolare, ahinoi, la merda dell’uomo.

Continua a leggere