#548
28 Febbraio

Si tratta di una minaccia reale, oggettiva. Sì il coronavirus, che ha un periodo di incubazione di circa tre settimane durante buona parte delle quali è asintomatico, non mente. (Pensateci bene, prima di aprir bocca.)

Continua a leggere

#547
27 Febbraio

Défense d’emploi du trait d’union: de la sorte – assure-t-il, le porte-parole du gouvernement – l’arc en ciel cessera de diffuser la contagion.

Continua a leggere

#546
26 Febbraio

La psicosi prova innanzitutto la forza della collettività, nel costruire prima e abitare poi un mondo molto diverso, comunque altro, alternativo. Del resto, cosa è veramente reale? cosa veramente finzione? C’è qualcosa di più arbitrario del cosiddetto reale? di più reale della Letteratura?

Continua a leggere

#545
25 Febbraio

J’ai beau expliquer à ce gamin raisonneux, dont la coiffure d’or et en plus bouclée, que je porte les cheveux détachés.

Continua a leggere

#544
24 Febbraio

L’originale purezza, che giunge ai tuoi occhi sgranati, sarà già stata filtrata: dalla polvere.

Continua a leggere

#543
23 Febbraio

Bastò che i media diffondessero la notizia, quella domenica, per rendere le città spettrali, completamente deserte. Avevano aperto un nuovo megastore, nell’hinterland.

Continua a leggere

#542
22 Febbraio

Or l’écrivain le plus avisé s’en moque, de savoir les faits et les gestes de son personnage.

Continua a leggere

#541
21 Febbraio

Dans la fleur de l’hiver, un jeune cérisier hautain.

Continua a leggere

#540
20 Febbraio

La delfina di Diego – lui radioso, come un re – piangeva o forse sorrideva, difficile a dirsi, più un gorgheggio effettivamente. Come buona parte delle creature venute dal mare.

Continua a leggere

#539
19 Febbraio

Nessuno è dotato di due mani destre, tantomeno di due sinistre. Perché dovrebbero essere gli altri eventualmente, a complimentarsi con noi.

Continua a leggere

#538
18 Febbraio

Le brouillard dérobe son petit à la louve, qui réclame légitimement sa proie.

Continua a leggere

#536
16 Febbraio

Rompo un bicchiere in mille cocci che prontamente assorbo, col piede nudo.

Continua a leggere

#535
15 Febbraio

Mon réveil, le plus souvent il relève un revenant. Du cauchemar justement.

Continua a leggere

#534
14 Febbraio

Anche le scapole sono a coppie. Occhio! (E anche quelli, del resto.)

Continua a leggere

#533
13 Febbraio

Même le grand voyageur, qui a fait l’expérience spirituelle par antonomase (du tour du monde), craint de égarer ses souvenirs.

Continua a leggere

#532
12 Febbraio

Comprendiamo tutto lo scetticismo che tradisce il passo esitante della sottile garzetta bianca in mezzo al prato: se le bovine sono ancora calde, dove sono le mucche? Chi altri, sennò?

Continua a leggere

#531
11 Febbraio

Guarda che il peperone rosso bollente e traslucido è fatto apposta, per sostituirsi alla pelle del palato.

Continua a leggere

#530
10 Febbraio

La serenità, forse, è la capacità di guardare le cose dall’alto, ponendosi al di sopra delle nuvole più minacciose.

Continua a leggere

#529
9 Febbraio

L’esprit de l’escalier je le laisserai aux plus réactionnaires et campagnards parmi vous, qui n'auront jamais vu Milan et New York.

Continua a leggere

#528
8 Febbraio

Je pointe la lampe de mon bureau en biais. De gauche à droite, le plus clair de mon temps. Puisque c’est à l’ombre noirâtre de mon crayon que j’écris.

Continua a leggere

#527
7 Febbraio

Le lendemain pourtant l’aube qui filtrait depuis les volets le tira du lit auréolé. Il gagna aussitôt le toilette.

Continua a leggere

#526
6 Febbraio

Chi lascerà la faticosa presa, incredibilmente non si sentirà sollevato (dalla mongolfiera).

Continua a leggere

#524
4 Febbraio

Dalla nebbia bianca del primo mattino, ad esempio, un campanaccio lontano, un muggito, un bicchiere di latte, e tutto quello che di buono saprà portarci la giornata.

Continua a leggere

#523
3 Febbraio

Il est des semaines dures. Et des semaines qui durent.

Continua a leggere

#522
2 Febbraio

A ben guardare, la nebbia mi ricorda… prima di dimenticarmi… chissà dove… chissà quando…

Continua a leggere

#521
1 Febbraio

Le chat garde toujours des souris, sous ses moustaches.

Continua a leggere

#519
30 Gennaio

La globalizzazione ha appiattito il mondo, che presto non farà nemmeno distinzione tra le stagioni, fra l’inverno e la primavera. Non rotola già quasi più.

Continua a leggere

#518
29 Gennaio

Bevi capire il vino o sarà lui ad avere la meglio, a comprendere te.

Continua a leggere

#516
27 Gennaio

La paresse – alors qu’on pourrait me voir endormi dans mon bureau, la tête sur mon bras au lieu de écrire – me fait ressembler à un paresseux – évanoui sur sa branche.

Continua a leggere

#515
26 Gennaio

Le bon moraliste, qui est bel et bien hypocondriaque en plus, risque de s’évanouir à la vue du vin rouge.

Continua a leggere

#514
25 Gennaio

Il grande scrittore, bene imbacuccato, non fa altro che rubare la voce al vento.

Continua a leggere

#513
24 Gennaio

Sì, provava pietà, ma gli riusciva sempre malissimo.

Continua a leggere