#167
13 Febbraio

Le sopracciglia ammiccanti del ridibondo gabbiano in volo la dicono lunga su quanto sappia essere leggero.

Continua a leggere

#166
12 Febbraio

E talvolta, nel fitto del mio caffè maculato si nasconde persino un cerbiatto.

Continua a leggere

#165
11 Febbraio

C’est surprenant! Il te suffit de cogner ton genou contre le plus bas et négligeable des tabourets, pour concevoir, dans le moindre détail, tout le système solaire.

Continua a leggere

#164
10 Febbraio

Fuori dalla mia proprietà, o scioglierò i miei tre fedeli e feroci endecasillabi!

Continua a leggere

#163
9 Febbraio

Il te faudra du sang animal pour réanimer cette drôle de chose préhistorique qui est ta voiture.

Continua a leggere

#162
8 Febbraio

La barriera corallina è a rischio. Come i veri autori in questo mare di libracci, del resto.

Continua a leggere

#161
7 Febbraio

Pendant l’ouragan nous nous réfugiâmes dans notre mansarde, un petit bateau chaviré de sept mètres saturé de livres, au dessous duquel il était encore possible de respirer les dernières bouchées d’oxi

Continua a leggere

#160
6 Febbraio

L’arte più elevata dice l’uomo tutto, con i suoi alti e bassi.

Continua a leggere

#159
5 Febbraio

Perché sia tale, la volgarità deve innanzi tutto essere gratuita. Per questo, del resto, è data al volgo.

Continua a leggere

#158
4 Gennaio

Quoique très lente, au tournant fort souvent la tortue chavire.

Continua a leggere

#157
3 Febbraio

Il se peut, donc, que le mot juste, celui de l’écrivain le plus averti, relève de l’oralité elle-même.

Continua a leggere

#156
2 Febbraio

Una maledizione aleggia sugli adolescenti irrequieti, e sugli scrittori di ogni età.

Continua a leggere

#155
1 Febbraio

Peut-être. Le mot juste, c’est peut-être exactement ce petit t(i)rait d’union entre l’infinie potentialité et l’être.

Continua a leggere

#154
31 Gennaio

“C'è chi, soprattutto d'inverno, si adopera per raggiungere le spiagge bianche delle mete più esotiche e lontane, solo per crogiolarsi beato al sole. Devi sapere, ragazzo mio, che io impazzisco al solo pensiero di perdere tutto quel tempo: chissà quante ne avranno dovute rompere, di clessidre!” (E anche questo insegnamento, di una grande donna bionda dai grandi occhi limpidi – cui somiglio curiosamente –, cercherò di tenerlo bene a mente.)

Continua a leggere

#153
30 Gennaio

Anche “il capo è sempre da solo” è un luogo comune?

Continua a leggere

#152
29 Gennaio

Il manto bianco della neve, che tutto ricopre, è rosso scarlatto d’autunno. Verde tenero, in primavera.

Continua a leggere

#151
28 Gennaio

L’intellettuale solamente, dando prova di grande forza di volontà, riuscirà ad astrarsi dal letto senza sforzo alcuno – e stando sotto le coperte.

Continua a leggere

#150
27 Gennaio

“Tutti amiamo la neve, solo perché semplifica le cose”. (Questa la traduzione più accreditata, al netto di clamorosi abbagli, delle parole pronunciate ieri – non senza un certo imbarazzo – dal pettirosso.)

Continua a leggere

#148
25 Gennaio

Si la neïge tombait noire du ciel, du coup plus de nuit, ni paix sur la Terre.

Continua a leggere

#147
24 Gennaio

J’espère que la mode des gilets jaunes ne prendra pas trop pied, en Italie; de quelles chaussures les accompagner, d’ailleurs?

Continua a leggere

#146
23 Gennaio

-Io: “Ciao, scusa la telefonata a quest’ora...” -Mia nonna: “Figurati, dimmi tutto...” -Io: “Nevica lì?” -Mia nonna: “No. Ma dai! Da voi sta nevicando?!” -Io: “No, che coincidenza!

Continua a leggere

#145
22 Gennaio

Sta a vedere che il satellite della “luna gigante” (come recita la speaker al telegiornale per fare del sensazionalismo, forse) è la Terra!

Continua a leggere

#144
21 Gennaio

Sta a vedere che il satellite della “luna gigante” (come recita molto chiaramente la speaker, al telegiornale) è quello di SKY!

Continua a leggere

#143
20 Gennaio

Il me fallut commander cinq “pintes”, pour apprendre à façonner ma grimace et prononcer des nasales comme il faut, justement.

Continua a leggere

#142
19 Gennaio

La pinte de Guinness sort tout autre effet, si prise le matin, chaude et dans une tasse.

Continua a leggere

#141
18 Gennaio

Souvent les nuages prenaient même la forme, si ma mémoire ne me fait pas défaut là, des nuées.

Continua a leggere

#140
17 Gennaio

Fais gaffe, en revanche. On te remarquera si tu pètes dans la salle fumeurs de l’aéroport, sans t’allumer une clope.

Continua a leggere

#139
16 Gennaio

Se solo riuscissi a voltarmi di scatto, con l’agilità di un gatto, che (ancorché grasso) cade sempre in piedi, potrei sorprendere il mio specchio... di spalle.

Continua a leggere

#138
15 Gennaio

Neanche il lungo serpente lucente e squamoso che mi cintura alla vita riuscirà a inghiottirmi.

Continua a leggere

#137
14 Gennaio

Tutto sommato, considerando le feste appena trascorse e i recenti bagordi parigini, credo di essere piuttosto in forma (nel senso caseario del termine).

Continua a leggere

#136
13 Gennaio

Grazie per l’interesse. Sì sì, il viaggio è andato liscio come l’olio – ammaraggio incluso.

Continua a leggere

#135
12 Gennaio

Drôle de pensée traversant l’esprit du chevronné voyageur fatigué, pendant son vol: “Heureusement que tout peut arriver!”

Continua a leggere

#134
11 Gennaio

Une fois repéré depuis l’avion nous menant d’abord au-dessus des nuages soucieuses, le fil rouge de l’horizon nous permet de renouer avec notre passé, et de regarder vers le futur avec optimisme.

Continua a leggere

#133
10 Gennaio

Il viaggiatore consumato lo sa, di non partire mai davvero. Resta – quasi – sempre coi piedi per terra.

Continua a leggere