#686
14 Luglio

Serve poesia, e un certo senso del tempo, forse, per apprezzare il tennis.

Continua a leggere

#685
13 Luglio

Il se plia pour cueillir des griffes du diable, le pauvre! Et déjà le pressentiment douloureux de l’enfer qui l’attendait s’emparait complètement de lui, s’étalant du dos jusqu’aux orteils.

Continua a leggere

#684
12 Luglio

D’un tratto Alba, attingendo alla sconfinata tavolozza dei colori pastello, dipinse i miei occhi verdi.

Continua a leggere

#683
11 Luglio

Di Norma la sagoma che (leggera) si muove, di quella sua chioma accarezzata dal Vento, come a voler oltraggiare il superficiale e permaloso Tramonto, seduce le mie fantasie.

Continua a leggere

#682
10 Luglio

Chiendents, dents de lion, griffes du diable, pis en lit… autant de belles surprises, dans le pré luxuriant de mon voisin.

Continua a leggere

#680
8 Luglio

J’extirperai une fois pour toutes les racines de la foudre, sans peine. (Je n’ai qu’à attendre, afin de ne pas m'enliser dans l’argille des nuages complètement trempée, que l’orage soit loin.)

Continua a leggere

#679
7 Luglio

Anche la lucciola dello zampirone aspetta un compagno alato, da inchiodare a terra, e fare bruciare di passione.

Continua a leggere

#678
6 Luglio

Per ogni gamba di mais che fila con passo regolare, nel campo, un bel paio di espadrillas gialle.

Continua a leggere

#677
5 Luglio

Quant à l’alcool de l’eau, qui force le malheureux à gober le soi-disant monde tel qu’il paraît à force de, il vaut mieux de ne pas en abuser.

Continua a leggere

#676
4 Luglio

Si è inutilmente attaccato con tutte le proprie forze alla patata come a uno scoglio. (Il che prova la friabilità dei tuberi lessati, l’elasticità delle polpose creature e, più in generale, la supremazia delle metafore sulle cedevoli similitudini.)

Continua a leggere

#675
3 Luglio

C’est la jeunesse, cet état fébrile de l’être, qui s’épuise.

Continua a leggere

#674
2 Luglio

La lune en guillotine s’annonce déjà au soleil, qui commence à saigner.

Continua a leggere

#673
1 Luglio

Un giorno non lontano, non appena si abbasserà questa benedetta musica, scoprirò che il DJ non si chiama Set, e farò un casino.

Continua a leggere

#672
30 Giugno

Rappelle ces mots: l’Écrivain est bien là, pour faire vieillir ton dictionnaire.

Continua a leggere

#671
29 Giugno

Forse poco incline al volo con la sua imbracatura di sicurezza, il colombaccio che sporge dalla grondaia – sospeso proprio sopra la tua testa – si rivela un precisissimo imbianchino.

Continua a leggere

#670
28 Giugno

Le papillon blanc – dont pour la belle mère il serait tentant de se moucher – relève du mariage annulé.

Continua a leggere

#669
27 Giugno

Il futuro è la forma indistinta ma preminente (una sagoma compatta e lontana?) del pensiero, di chi già aleggia sulle proprie mosche.

Continua a leggere

#668
26 Giugno

Non dico mai ciò che non penso, e non mi piace perdere il mio tempo. Rileggo sempre ad alta voce.

Continua a leggere

#666
24 Giugno

Soffiai forte riuscendo ad allontanare, sul pelo irto dell’acqua, il grosso cigno maschio che si stava avvicinando minaccioso.

Continua a leggere

#665
23 Giugno

Et quant à la mauvaise humeur de l’écrivain empêtré dans ses phrases en sueur, enchevêtrées pendant de longues heures, rien que une bonne douche et une bierre pétillante ne puisse resoudre.

Continua a leggere

#664
22 Giugno

Da qualche parte – dico io – si troverà pure un dio, garante della coerenza del tutto?!

Continua a leggere

#663
21 Giugno

Le confinement n’a laissé aucun signe sur le front de mon ventre (qui au contraire n’a jamais été si lisse.)

Continua a leggere

#662
20 Giugno

Plus musicien que tu ne le dirais, l’Écrivain ne peut pas s’empêcher, tout le temps, de prendre des notes.

Continua a leggere

#661
19 Giugno

La pratica del distanziamento sociale, l’ho appresa da solo, di fronte all’irresistibile bellezza del mare. Non volendo togliermi le scarpe, tantomeno bagnarmele.

Continua a leggere

#660
18 Giugno

La respiration de la mer infinie se brise contre le récif. Elle fait la bise au rocher écumant. Avant de tourner, douze heures plus tard, en brise.

Continua a leggere

#659
17 Giugno

Di scriver sulla notte ho sognato. (Ma non mi è bastata la cadenza di un misero endecasillabo, d’inchiostro nero sulla notte incartapecorita, per riposare.)

Continua a leggere

#658
16 Giugno

Lascerò il senso di colpa seguire la mia ombra. E consumarsi nel dubbio, durante la canicola.

Continua a leggere

#657
15 Giugno

Que de petites seiches douces et passagères dans mon assiette. Pour le reste, qu’il faisait beau là-bas, dans ce port franc et ensouciant!

Continua a leggere

#656
14 Giugno

Ovvio, però, alla mia inesperienza. Sì, prendo coraggio, da ubriaco.

Continua a leggere

#655
13 Giugno

Rien n’est plus dépaysant que les grands repas de famille.

Continua a leggere

#654
12 Giugno

Tengo appena a bada l’Insoddisfazione con la fatica, profondendo sforzi immensi che trasfigurano il mio viso deformato in un ghigno mostruoso.

Continua a leggere

#653
11 Giugno

À peine le pêcheur eut-il ferré que l’eau tranquille du coup apeurée ayant deversé son sang froid se figea.

Continua a leggere

#652
10 Giugno

Mi piace pensare che il mal di schiena sia il segno immanente del peso della Cultura, trascendente.

Continua a leggere

#651
9 Giugno

A sa partielle décharge, ce n’était qu’une mouette.

Continua a leggere