#287
13 Giugno

Je soulève ma main alourdie d’un crayon rose à bout de bras.

Continua a leggere

#286
12 Giugno

L’ulivo diroccato, invece, offre generosamente riparo a foglie nuove.

Continua a leggere

#285
11 Giugno

La Tailandia è un mirabile esempio di integrazione tra uomo e natura. Pensate che è possibile acquistare un PC (dall'inglese Personal Computer) pagandola in bath [bat].

Continua a leggere

#283
9 Giugno

L’acqua vale il bicchiere (vuoto), disse una volta l’astemio – che non aveva sete.

Continua a leggere

#282
8 Giugno

Sous prétexte de nous porter le couteau qui nous manquait, le serveur imposa d’abord sa présence, en coupant l’air d’un geste lent et théâtral, puis – ce qui était plus gênant encore – notre conversation.

Continua a leggere

#280
6 Giugno

Tira la lingua perfino per le orecchie il buon scrittore.

Continua a leggere

#279
5 Giugno

Camomilla, papaveri e camomilla; non c’è nulla di meglio, del resto, per calmare l’infiammazione.

Continua a leggere

#278
4 Giugno

Avec ces notes, que je lance du premier jet contre l’écran de cet ordinateur, je briserai la glace où se reflète (aussi froidement que machinalement) mon image, dont les fragments gelés ne tarderont pas pourtant à se recomposer n’importe comment. (Oh! Qu’il fait déjà si chaud dans mon bureau, trop chaud!)

Continua a leggere

#277
3 Giugno

Ecco un trucchetto utile (io almeno faccio così) per risollevare il morale, specie in questi lunedì mattina da prova costume: quando salgo sulla bilancia, mi tolgo tutto (anche gli occhiali).

Continua a leggere

#276
2 Giugno

Du coup, la sortie du couple frais émoulu, la nef sombre dans le dos, m'élucida sur la jusqu'alors mystérieuse question de l’attraction du vide.

Continua a leggere

#275
1 Giugno

Senza peso e incolore, ma anche calorica com'è, non saprei dire se la meringa sia pura sostanza o pura forma.

Continua a leggere

#274
31 Maggio

Plus je sirote ma bière, curieusement, plus le pressentiment amer de ma mort gagne en intensité. Peut-être, avant d’effectuer ma propre mise en bière, devrais-je passer au vin rouge.

Continua a leggere

#273
30 Maggio

Le souche flambé, il sent déjà le pavé, à l’heure du dîner.

Continua a leggere

#272
29 Maggio

Entrare dal lato destro dell’auto causa pozza profondissima (sul sinistro), scavalcare il cambio, cambiare posizione, da contorsionista, e arrivare all’agognato sedile del conducente: una serie di enjambement quasi impossibile, per il sottoscritto.

Continua a leggere

#271
28 Maggio

Dubitate, gente! Dubitate della gente – specie di coloro che vi dicono di dubitare. E abbiate un po’ più di fiducia in voi stessi, suvvia!

Continua a leggere

#270
27 Maggio

La nécessité de la faille s'explique aussitôt, bien avant l'inondation: elle postule toute seule la digue.

Continua a leggere

#269
26 Maggio

Avere la fede, una fede salda e incrollabile, aiuta nelle avversità i fedeli, che avranno sempre qualcosa da perdere.

Continua a leggere

#268
25 Maggio

Il est des matins où il m’est bien pénible de franchir la porte de ma chambre: je sens que je n’y arriverais jamais, sinon partiellement, par douloureuses fractions de moi-même. Autant rester collé au

Continua a leggere

#267
24 Maggio

Ah, Giulia, quando arriverà il mio momento, leggimi una poesia – mia possibilmente.

Continua a leggere

#266
23 Maggio

Derrière le rideau azur de ce ciel enfin dégagé, la grande pièce fantaisiste des nuages a lieu.

Continua a leggere

#265
22 Maggio

È grazie al pianista che suonava furioso, come Il Grande Fiume in piena, che il riverbero di piazza San Carlo è ancora vivo nei nostri ricordi.

Continua a leggere

#264
21 Maggio

Percorrendo – tra Goito e Gazoldo degli Ippoliti – la drittissima via Postumia, piena com’è di buche, si capisce subito che ha conservato intatto l’antico tracciato romano.

Continua a leggere

#263
20 Maggio

Da tempo immemore, la chiesa di Acquanegra sul Chiese non era tanto gremita di fedeli desiderosi di entrare in comunione con Dio. Il diluvio che imperversava fuori spinse anche molti atei a ricredersi, e a rifugiarsi nella grande navata.

Continua a leggere

#262
19 Maggio

Lungo la cancellata dello scrittore, dei non ti scordar di me, dimenticati là dal vento; poi un muro ruvido, rigorosamente bianco.

Continua a leggere

#261
18 Maggio

Au cimetière, au lieu de le serrer si fort entre mes bras, j’aurais simplement voulu lui dire qu’il n’avait rien à craindre, ni à regretter, puisque j’avais prévu une scène finale bien différente, voire heureuse, un nouvel commencement enfin. Mais le courage – ou la fantaisie, qui sait – me fit défaut.

Continua a leggere

#260
17 Maggio

Brr… quel frisson! (Il m’arrive de penser que certains de mes écrits puissent être publiés posthumes… autant les poster aussitôt, en prise directe!)

Continua a leggere

#259
16 Maggio

Una sola idea mi consola sempre un po': tanto quanto la morte, non mi risparmierò.

Continua a leggere

#258
15 Maggio

Face à ce genre de perte, au regard maternel, nos larmes elles-mêmes d'un trait paraissent insuffisantes à lui rendre justice.

Continua a leggere

#257
14 Maggio

La fourchette du singe a non pas quatre mais cinq orteils.

Continua a leggere

#256
13 Maggio

-Io: “Credo di essermi sbagliato di nuovo…” -Giulia: “Su cosa?” -Io: “Riguardo le mucche che pensavo, che pensavo vitellini alla fine…” -Giulia: “Sentiamo…” -Io: “Erano più grossi di quanto pensassi…” -Giulia: “Quindi?” -Io: “… non so poi come ho fatto a non notare il loro aspetto altero… sì, erano alti, giovani, belli… e anche abbronzati…” -Giulia: “Eh?!” Io: “Dei veri vitelloni”.

Continua a leggere

#254
11 Maggio

I bastardini dei suoi vicini hanno poi avuto cuccioli di razza.

Continua a leggere

#253
10 Maggio

Spalanca le foglie la quercia, chiudendomi gentilmente la finestra dello studio.

Continua a leggere

#252
9 Maggio

Je ne sais pas me resoudre aujourd’hui entre du thon et du maquereau, ni à déterminer une fois pour toute si Rousseau était plus partisan des Lumières ou des Romantiques.

Continua a leggere