#458
30 Novembre

[Roma. Presso La Nuvola. In occasione di Più Libri Più Liberi. Ci trovate allo stand di Prehistorica Editore, G 43. Vi spettiamo.]

Continua a leggere

#457
29 Novembre

Je porte le deuil pour mes cinq ou six frères… que mes parents ont perdus… dans le brouillard du temps.

Continua a leggere

#456
28 Novembre

Certes le premier brouillard – en principe du moins – est un bon sujet de conversation, qui se prête beaucoup trop pourtant à la divagation.

Continua a leggere

#455
27 Novembre

Avverto un tonno minaccioso. Gettando una sola occhiata.

Continua a leggere

#454
26 Novembre

Avverto un tono minaccioso. Gettando una sola occhiata.

Continua a leggere

#453
25 Novembre

La limaccia invece non è altro che un muscolo, che avrà sopperito alla sua presunta lentezza quando ci sarà riuscita. Ad accorciare – ulteriormente – la carreggiata del sentiero.

Continua a leggere

#452
24 Novembre

Si je n’étais pas le forçat de lettres que je suis, je travaillerais à la mine.

Continua a leggere

#451
23 Novembre

Avant que sa crête ne surgisse complètement, il ne sera pas évident de dire, avec certitude absolue, qui d’entre eux aura chanté.

Continua a leggere

#450
22 Novembre

Anche il coniglio pensa sempre laterale, che ha una paura fottuta.

Continua a leggere

#449
21 Novembre

C’est une vraie sage femme: elle n’en veut pas, qu'on lui prenne la température, puisque elle n’en veut pas, d’avoir de la fièvre. Quant à moi, je vous interdis de me reserver des funérailles: c’est bien ma volonté.

Continua a leggere

#448
20 Novembre

Cosa prendo? Niente caffè né croissant, grazie. Per me, andrà più che bene…un acido lattico.

Continua a leggere

#446
18 Novembre

Oggi, per la prima volta, Prehistorica Editore è investita di un’altissima responsabilità morale: saremo in un liceo, a Como, in compagnia dell’autore Pierre Jourde, per presentare il suo magnifico romanzo, Paese perduto. Sì, andremo tra tutti quei ragazzi, giovani virgulti trepidanti di sogni e di curiosità,… per seminare il dubbio.

Continua a leggere

#445
17 Novembre

Rien n’ai plus beau que retrouver un ami. C’est toujours jubilant! Meme si prévu, on dirait que cela relève de la pure coïncidence, voire du coup de chance.

Continua a leggere

#443
15 Novembre

La grande ville grise de Milan est bien là, qui nous attend, les riants paysans.

Continua a leggere

#442
14 Novembre

Je me mets à démonter l’engrenage de la machine bien huilée du monde, puisque je n’ai pas de temps à perdre justement.

Continua a leggere

#441
13 Novembre

Si ritiene un tipo coraggioso, uno che non tentenna di fronte alle difficoltà. Solo, teme di avere paura.

Continua a leggere

#440
12 Novembre

Pas mal de chagrins, de longs silences et de lents ennuis en écraseront le ressort. Puis, pour un seul instant, l’intensité.

Continua a leggere

#439
11 Novembre

Solo quando vide coi suoi occhi stupefatti le prime balle di fieno (perfettamente rotonde), la piccola Giulia (che proveniva dalla montagna) ne ebbe la prova provata: la pianura Padana – tra Pietole e Piadena, perlomeno – è proprio piana.

Continua a leggere

#438
10 Novembre

In un mondo perfetto ma ugualmente vivo e vitale – dove un vaso incautamente lasciato sul davanzale potrebbe cadere, sospinto da un alito di vento – incontreremmo svariati problemi, che risolveremmo senza andare in cocci.

Continua a leggere

#437
9 Novembre

La vera stanchezza è una dimensione esistenziale: malessere.

Continua a leggere

#436
8 Novembre

Pas un meurtre, un coup de couteau, un viol, ni un vol… Même pas une action digne de ce nom, dans le roman noir de la nuit. Que un homme qui frôle la quarantaine gémissant dans le silence morne de sa chambre de lit le ventre entre ses mains, du fait d’un estomac trop délicat. Et penser que je suis resté bien vigilant: je n’ai pas fermé l’œil, toute la nuit durant.

Continua a leggere

#435
7 Novembre

Non serviva il würstel per certificare che fosse un maiale. Certo ultimamente sto esagerando: mi va stretta la fede.

Continua a leggere

#434
6 Novembre

Il n’y a que la paisible intranquillité de l’écriture pour me tirer encore vivant du brouhaha – se disait-il à chaque fois, en goûtant d’avance la joie d’un nouveau livre. Puis il devint éditeur.

Continua a leggere

#433
5 Novembre

Turbinio dopo turbinio, foglia secca dopo foglia secca, d’un tratto s’erse maestoso, sotto i nostri occhi increduli: il monumento futurista alla velocità e all’effimero, che velocemente sparì. Sepolto sotto le macerie del platano.

Continua a leggere

#432
4 Novembre

Ammazzò la domenica uggiosa andando al centro commerciale, per comprare lampadari.

Continua a leggere

#431
3 Novembre

Dans le poumon vert de la chou-fleur pourtant, on y respire à peine. Pouah!

Continua a leggere

#430
2 Novembre

Nella sua credenza vuota, solo un pacchetto di ossa dei morti.

Continua a leggere

#429
1 Novembre

La coperta di lana grezza delle nuvole ci protegge dal freddo pungente?!

Continua a leggere

#428
31 Ottobre

A tel point aigrelette et non point parfaitement couleur de la citrouille, l’orange est bien la négation de la grande citrouille elle-même. L’orange citrouille, l’antiorange.

Continua a leggere

#427
30 Ottobre

Au fur et à mesure que l’hiver, quoique dissimulé par cette chaleur incongrue, approche, on commence à perdre ses feuilles dans le vent. Il vaut peut-être mieux que je ferme la fenêtre de mon bureau.

Continua a leggere

#426
29 Ottobre

Non parlo di ciò che non conosco. Così spesso sto zitto, e do l’idea di pensare. (Il che non mi ha mai giovato più di tanto, durante le lunghe ore di matematica in cui venivo regolarmente interrogato.)

Continua a leggere

#425
28 Ottobre

La feuille tremblante palit, face au spectre de l’hiver qui approche.

Continua a leggere

#424
27 Ottobre

Non illudetevi: nessun orologio batterà mai davvero il tempo.

Continua a leggere

#423
26 Ottobre

Non è la luce a ingiallire tutte le cose, ma il tempo. E vale anche per il buon vecchio sole – con buona pace delle milioni di quarantasettenni Taiwanesi che hanno passato l’estate al riparo sotto il loro ombrellino.

Continua a leggere