Sinossi

"Non ho mai il tempo di sbobinare un ventesimo di quanto accumuli." Nel rispondere a questa urgenza, Alexandre Vialatte creò un vero e proprio genere, per poi spingerlo sino alla perfezione: la cronaca. Ne compose a centinaia, soprattutto per "La Montagne", lo storico giornale della regione dell'Alvernia, in pieno Massiccio Centrale; fra il 1952 e il 1971, pubblicò tutte le settimane, parlando in completa libertà di ciò che desiderava. La libertà di ispirazione è del resto l'unico vincolo di questo spirito libero che, da autentico spirito di montagna, si mostra capace di guardare alle cose dell'uomo con la leggerezza e gli occhi nuovi di un escursionista di un flaneur, di un filosofo. Vialatte, con l'umorismo che lo contraddistingue, ci restituisce il tempo perduto. Nell'insieme poi, queste cronache evocano un vero e proprio sapere enciclopedico ricco di dettagli pittoreschi, notizie curiose, scorci originali di una Francia inedita, per i più ancora tutta da scoprire.

Pierre Jourde: "A metà fra l'ironico e il malinconico, Vialatte elabora l'enciclopedia incongrua d'un utopico sapere universale".

L'autore

Divenuto celebre per aver fatto conoscere per primo ai francesi le opere di Kafka, e per avere tradotto autori del calibro di Nietzsche, Goethe, von Hoffmannsthal, Mann, Brecht, Alexandre Vialatte (1901 Magnac-Laval – 1971 Parigi) ha nel corso degli anni dato prova di un’immensa creatività artistica, che lo ha portato a spaziare dalla poesia alla cronaca letteraria, per arrivare al romanzo. Ha pubblicato presso alcune delle più prestigiose case editrici d’oltralpe, tra le quali Gallimard e Juillard. Oggi, è universalmente annoverato dalla Critica nella categoria dei grandi classici senza tempo.

Il traduttore

René Corona, il traduttore di questo libro, è docente universitario di lingua francese a Messina. Ha eseguito la prima traduzione francese dell'Amaro Miele di Gesualdo Bufalino. Ha tradotto per Actes Sud, in collaborazione con Marguerite Pozzoli, le prose di Valerio Magrelli; per prestigiose riviste francesi altri grandi poeti italiani, tra i quali Ripellino, Cardarelli, Gozzano, Caproni, Sciascia. Ha pubblicato due romanzi e svariate raccolte poetiche, sia in Francia che in Italia.

Recensioni

Donato Novellini, Barbadillo, 22/04/2023
Artefatti. La montagna disincantata di Alexandre Vialatte

Geraldine Meyer, L'ottavo, 21/11/2022
Cronache dalla montagna, le vette del surreale

Angelo Fazari, Dalla carta allo schermo, 01/11/2022
Cronache dalla montagna di Alexandre Vialatte

Luca Bevilacqua, L'Indice dei libri del mese, 01/10/2022
Se la noia nasce dall'uniformità

Alessandra Fontana, La lettrice controcorrente, 19/05/2022
Di lupi di foche e altre cose singolari di Alexandre Vialatte

#1832
21 Febbraio

Ils en cannibalisent avidement le cœur, qui reste là en tant que écorce vide, tel un vieux drôle d’engin privé de vie. C’est ainsi que, l’œil méchant et froid, les moineaux dévorent les grains, encore palpitants eux, de blé.

Continua a leggere

Lydie Salvayre in Italia! Da Pordenonelegge la tournée della scrittrice

L'autrice sarà presente nelle seguenti date di settembre: 17 PORDENONE 19 BOLOGNA 20 ROVERETO (TN) 21 PARMA 22 MILANO

Continua a leggere

Libreria Ubik di Como

La profondità del catalogo, la cura dei tre piani e le numerose iniziative organizzate, pensate per tutti e ad accesso libero, la rendono una libreria moderna e vivace.

Continua a leggere