Sinossi

Quando fu morto, Albert Moindre considerò la sua situazione con perplessità. Non soffriva per le spaventose ferite che avevano quasi istantaneamente causato il suo trapasso. Si sentiva in piena forma e, a dirla tutta, più vispo rispetto a prima dell’incidente. Più leggero, certamente, più… represse l’espressione “in gamba” che gli si proponeva: Albert Moindre aveva cambiato campo lessicale.

Proprio così: l’ora dei verdetti, il romanzo delle grandi rivelazioni è arrivato. Albert Moindre si trova nell’aldilà, dopo essere stato travolto da un camioncino carico di datteri e olive denocciolate; lui invece – si intende – è carico di curiosità… A cosa somiglia del resto il Regno dei cieli? Vi troveremo giustizia? pace? verità? E Dio? Con la sua lingua tagliente e sagace, originalissima e ironica, Chevillard si propone di darci nientemeno che alcune di queste annose questioni!

“CHEVILLARD, O L'ARTE DI SCRIVERE QUASI TUTTO SU QUASI NIENTE”: Le Nouvel Observateur

L'autore

Éric Chevillard è nato nel 1964 a La Roche-sur-Yon e, come recita non senza ironia il suo sito, “ieri il suo biografo è morto di noia”. Si tratta indubbiamente di uno dei massimi scrittori francesi contemporanei, che ha saputo suscitare il vivo interesse di critica e pubblico, anche all’estero. Ideatore del fortunatissimo blog letterario, L’Autofictif, ha nel corso degli anni ottenuto diversi e prestigiosi premi, come il PRIX FÉNÉON, Il PRIX WEPLER, il PRIX ROGER-CAILLOIS, il PRIX VIRILO e il PRIX VIALATTE per l'insieme della sua opera. Molti dei suoi capolavori sono tradotti, in inglese, spagnolo, tedesco, russo, croato, romeno, svedese e cinese. Nel 2013, la traduzione di un suo romanzo, Préhistoire (1994; Prehistoric Times), si è aggiudicata il Best Translated Book Award – premio statunitense assegnato dalla rivista “Open Letters” e dall’università di Rochester. Ha scritto oltre venti opere - volendo menzionare solo i romanzi - pubblicate dalla leggendaria casa editrice francese Les Éditions de Minuit, diventata grande con Samuel Beckett e il Nouveau Roman. Sul riccio è il primo testo in assoluto pubblicato da Prehistorica Editore, ed è a oggi il terzo romanzo dell’autore edito in Italia: tutti sono stati tradotti da Gianmaria Finardi.

Il traduttore

Gianmaria Finardi, il traduttore di questo libro, è dottore della ricerca in letteratura francese ed editore. I suoi lavori si concentrano principalmente sulla semiotica e l’ermeneutica, per estendersi alla critica letteraria, sino agli aspetti teorici della traduzione. È autore del blog di Prehistorica Editore, Incisioni del traduttore. È il traduttore, in Italia, di tutte le opere di Éric Chevillard.

Recensioni

Martina Asero, Ima AndtheBooks, 21/03/2023
I libri letti a febbraio

Livio Partiti, Il posto delle parole, 08/03/2023
Intervista a Gianmaria Finardi

Angelo Molica Franco, Il Venerdì_Repubblica, 30/12/2022
Libri dell'anno 2022

Carlo Albarello, Il libridinoso, 17/12/2022
Santo Cielo!

Éric Chevillard, Rai Cultura, 17/12/2022
Éric Chevillard, Santo cielo

Gianluigi Bodi, Senzaudio, 12/12/2022
Éric Chevillard - Santo cielo

Angelo Fazari, Dalla carta allo schermo, 01/12/2022
Santo cielo (Éric Chevillard)

Pierangelo Consoli, Satisfiction, 22/11/2022
Éric Chevillard. Santo cielo

Eric Chevillard, Radio3 Fahrenheit, 21/11/2022
Intervista all'autore

Alessandra Fontana, La lettrice controcorrente, 17/11/2022
Santo cielo di Éric Chevillard

#1836
29 Febbraio

Il calendario sarà anche frutto di una convenzione. Ma mi prendereste quasi per pazzo, altrimenti. Se mi mancasse un giovedì.

Continua a leggere

Lydie Salvayre a Testo

La scomparsa della conversazione nel romanzo dell'autrice, già premio Goncourt.

Continua a leggere

Libreria Ubik di Como

La profondità del catalogo, la cura dei tre piani e le numerose iniziative organizzate, pensate per tutti e ad accesso libero, la rendono una libreria moderna e vivace.

Continua a leggere